Costa orientale Hotels Costa orientale B&B Costa orientale Agriturismi Costa orientale Residences Costa orientale Hotel Costa orientale Alberghi Costa orientale Bed and Breakfast Costa orientale Appartamenti Costa orientale OspitalitÓ Costa orientale Residence Costa orientale

You are here: Home » Corsica » Costa orientale » Costa orientale

Costa orientale

Hotels Costa orientale
Ristoranti
Essa copre le tre pievi (antiche parrocchie) di AlÚsani, Orezza e Ampugnani. Luogo propizio alle passeggiate nella foresta dalla quale si ergono, come fari sopra il mare, i campanili delle chiese barocche. Pi¨ a sud, la regione di Ghisoni, grazioso paese del XVI secolo, offre, anch'essa, gite piene di scoperte in una delle pi¨ belle foreste di pini larici d'Europa. Da Ghisoni, raggiungete la stazione del Renoso ove, in inverno, potrete sciare nella splendida cornice di una natura incontaminata. E' il punto di partenza per la scalata sul Monte Renoso (2352 m) una delle cinque grandi vette della Corsica. Approfittatene per andare a vedere gli ovili dei Pozzi, torbiere che punteggiano con macchie blu il verde scintillante del muschio. MOROSAGLIA - E' in questo paesino della Castagniccia che Ŕ nato, nel 1725, Pascal Paoli, "padre della nazione corsa". Militare molto colto, egli Ŕ a capo dell'insurrezione contro i Genovesi nel 1755. Nominato "generale della Nazione", egli fissa la sua capitale a Corte, fa votare una Costituzione repubblicana, crea una amministrazione, fonda l'Ile Rousse, l'universitÓ di Corte. Ma nel 1768, i Genovesi affidano la Corsica alla Francia. Paoli organizza la resistenza ma, sconfitto nella battaglia di Ponte Nuovo nel 1769, Ŕ costretto all'esilio. Un piccolo museo Ŕ stato creato nella sua casa natale, presso la quale riposano le sue ceneri. DA ASSAGGIARE - Tutte le specialitÓ a base di castagne: polenta, dolci, marmellate; i salumi, i formaggi di capra, i vini, i prodotti del mare, i succulenti agrumi della regione. Senza dimenticare i liquori di Mavella (medaglia d'oro). Infine, l'acqua frizzante di Orezza, la cui fonte termale Ŕ conosciuta dall'antichitÓ, vi disseterÓ. LE SPIAGGE - L'Arinella, quella di Vignale, lunga 10 km e fiancheggiata dalla vasta pineta di Pinia. Ideale per la mountain-bike e le passeggiate a piedi. DA VEDERE - Sulla costa, lo Stagno d'Urbinu e lo Stagno di Diana dove si coltivano le ostriche dall'epoca romana. La riserva di Casabianda dove vivono pi¨ di 100 specia di uccelli e di tartarughe. Ad Ania di Fiumorbu, la grotta dell'ultimo "bandito d'onore". A Bujia, la cascata vertiginosa di San Gavino, alta cento metri. Nella Castagniccia, numerose chiese con una ricca decorazione interna di stile barocco meritano una visita. Saint-Pierre e Saint Paul di Pedicroce, Notre-Dame-du Mont Carmel a Stoppia Nova, La Porta, Giacatojo, Quercitello e Valle d'Orezza, tutte classificate monumenti storici. Il magnifico convento di Alesani. Festa del convento l'8 settembre. DA FARE - Passeggiate a cavallo; la Via Ferrata a Chisa; imboccare il sentiero escursionistico Mare a Mare Centro che attraversa l'isola e parte da Ghisonaccia.